martedì 16 novembre 2010

Pugnette celebri

Sull'argomento,
in pubblico giudizio,
chiamo l'universo maschile
a correo.
E non mi dolgo dei miei peccati,
non mi pento.

D'altronde, è risaputo
che anche molte donzelle
hanno goduto di simili fantasie,
immaginandosi tra le braccia
d'una vera celebrità,
magari di un attore,
che so, Brad Pitt,
ma anche di un cantante,
o di un musicista
(quanto trombano quelli,
ne sa qualcosa Lei).

Per non parlare
delle fantastiche visioni
di quelle spudorate
(sempre Lei)
che in uno spogliatoio di calcio
farebbero una strage.

A molte attizza
Travaglio,
ma nessuna pare vada pazza
per Bruno Vespa, o per il figlio
di Piero Angela.

O magari qualcuna ci sarà.
Qualche perversa, ah dannata!
Che si conturba
e si masturba
al pensiero assai privato
di succhiar l'uccello a Magalli
o a qualche altro malcapitato,
purché sia un poco celebrato.

O anche decerebrato:
in tante sbavano dietro
al fratello di Elisabetta Sgarbi
(questo proprio non mi riesce
di nominarlo).

Ma veniamo al fatto mio
personale,
per parlare di quell'attività manuale,
non remunerata,
ma tuttavia assai piacevole
di dedicar pugnette
a persone sì in carne e ossa,
ma viste attraverso uno schermo,
come vivessero in un acquario.

Loro o io.
Ognuno nel suo acquario.
Ma se socchiudi un po'
gli occhi
non è più straordinario
allungare una mano
sulla coscia della dolce velina.
Con l'altra mano
veementemente spippettando,
per rendere ancor più
reale l'amplesso
con l'adorata celebrità.

Chi non l'ha fatto? Eh?
Tutti santi?

Nella fantasia però,
a meno che voi non siate
l'orrendo ottavo nano,
o il di lui figlio,
o il ministro Brunetta.

Da ragazzetto credo invece
di averne dedicate tante,
ma tante,
a una simpatica biondina,
quando c'era lei sullo schermo
ed ero solo,
facevamo sfracelli.












Ecco ricordo,
faceva il cruciverbone.

Chissà in quanti, oltre a me,
a vederla
si facevano un bel pippone,
spaparanzati su un bella poltrona,
davanti alla televisione.

Ah, gran brutta cosa l'immaginazione!

Ti fa sembrare reali e tangibili
persone lontane,
che di te non conoscono
neppure l'esistenza.

Il bello è che puoi piegare
ai tuoi voleri
le donne più belle,
quelle più desiderate.

Sono schiave al tuo cospetto,
o meglio marionette.

Però, però...
Con la fantasia
immagini un incontro,
per un fortuito colpo di fortuna.

Che so, con un po'
d'immaginazione,
precipita un aereo,
e unici superstici,
su un'incantevole isola deserta,
eravamo a quei tempi,
io e lei,
Simona Tagli.














Ora è una desaparicida,
ma all'epoca
ne ero estasiato.















Ormai s'è bell'e 'apito
il tono di questo post,
quello di una confessione.

E allora sì, lo ammetto,
fuori criticavo,
con l'incoscenza dentro al basso ventre
e in tasca, audace, l'Unità
(o meglio Cuore).

Ma poi se restavo
solo in casa
con quelle sbarbatelle di Non è la Rai...

Ah, ch'io sia dannato!
Come una volpe nel pollaio,
quante ne avrei amabilmente,
crudelmente spulzellato.















Lei per prima,
s'intende,
e non ne faccio mistero,
l'avrei prima legata,
poi imbavagliata,
anzi imbavagliata no,
da poterne sentire i gemiti.

Anche quelli di dolore,
perché l'avrei abbondantemente,
sonoramente,
sculacciata,
in rapporto paritario
a ogni vigoroso
colpo di minchia.

Ora, guarda un po',
non è neppure più
così antipatica.


Grandi manovre
anche per Sabrina Salerno
(mo' guarda come son dozzinale),
che invece immaginavo
mi prendesse per i capelli
e mi strapazzasse,
spalmandomi sul suo corpo.















Aveva delle tettone
davvero incredibili,
una favola,
un parco giochi
superattrezzato,
una cornucopia per la quale
fantasticavo, dimenando
la mano destra.

Che lei voleva instancabile.

Che poi, cosa credete,
sono anche un romantico
nelle mie pugnette celebri.

Mi innamoro.















E quando mi innamoro
di qualcuna
mi piace fare del gran sesso,
e se lei è distante,
se pure non mi conosce,
be', pazienza.

Ma come dire di no
alla donna più bella
e più sexy del mondo.















Un altra franciosa, embe'?
In questo caso
viv la frans.

Scoperta
col Cappotto d'Astrakan
di Gionni Dorelli,
splendida Femmina,
un vero e proprio
colpo di fulmine.

Sempre sublime gnocca,
adorata
in altri due capolavori
cinematografici,
Bingo Bongo
e Donne con le gonne.

Con lei sono stato
davvero sfacciato,
del tutto impudico.

Ne facevo una passione.

Ormai è un vizio
che non ho quasi più,
quello delle celebrità,
sarà l'età.

Ma dovendo scegliere...
Che ampia rosa...

Terrei alta la spada
per una ancora.

Vivere col lei un folle,
appassionato amore,
con qualcosa di molto porno.

La scelta è fatta,
mi cucco la Mezzogiorno.















E se dalle fantapugnette
passo a un vero e proprio
sogno,
allora non posso
che ringraziare Michelle,
che una notte m'è venuta
a visitare.










Che dire,
ci siamo amati,
il resto sono cose un po' private.






Ps:
E per chi proprio non ne sa fare a meno (tipo me), le seguenti fotastre:




































Giusto per non stare con le mani in mano.

22 commenti:

Dea ha detto...

Come godo!
mi piacerebbe ampliare la sua gamma di pugnette, ma dovrebbe accontantarsi di una Dea di voi comuni mortali, dalle fattezze a dir poco normali... (un po'esagerose, ma tanto generose).. sono quasi gelosa di queste fighette che sembrano perfette, uffaaaaaaaaaa!
un bacio, e bella la foto di mezzo Carlos, fa 'na gola!

Inneres Auge ha detto...

Ah le seghe, croce e delizia di uomini e donne...

Dea ha detto...

le mie non si chiaman seghe, e sono una vera delizia... e nessuna croce, eh!:)

carlos ha detto...

Inneres, appoggio in toto Dea. ;)

Dea cara, mi fanno gola la tua delizie
(e com'è che le chiami allora?).

Quelle mie più facilmente sono dedicate alla vicina di casa, alla cassiera procace della panetteria...
Le fighette perfette si bagnano, si dilettano a masturbarsi e chiavano come tutte, come comuni mortali. Raro che lo facciano con comuni mortali.
A te che sei una Dea magari non è mai accaduto di svolazzare con la fantasia (e con le dita)... che so... per Gianni Morandi, Cofferati, il cardinal Sodano?

Dea ha detto...

Carlos... a me affascina il pastore tetesco del capo del vaticANO, che iddio mi perdoni. ;)

La mia fantasia erotica nasce dalla mia immonda voglia di me stessa.
allora ci appiccico eventi vissuti, e magari uso quel nome, uso la mia fantasia nell'immaginare il piacere di lui nel vedermi darmi piacere, il mio esibizionismo cavalca e l'eccitazione sale come onda... non saprei come chiamare ciò che da piacere e sollievo al mio spirito alla mia anima ed alla mia carne bollente...
pippe e seghe mi sembrano poco romantiche, pugnette ancor meno, ditalini non sono, bho!

carlos ha detto...

Ma chi il segretario? Quello che sembra Padre Ralph di Uccelli di rovo? Quello che si tromba il... Oddiosanto!
Una perversa sei!!!

Io, a mio riguardo, uso dir seghe o andar sul dialettale. Per voi femminuccie proprio non saprei, sditalinare in effetti sa di giornaletto porno scaduto. Ma come dire allora: sviolinare? Pelar patate?

Un besito carnosito

Dea ha detto...

No no er papa proprio caro mio...
moi perversa???
dobbiamo coniare un modo dir esatto... uhm!

carlos ha detto...

Tesoro mio, ma quello è culattone. E' risaputo.
Uhmmm... Coniamo, coniamo...

Kay Ferraro ha detto...

Quante pippe, conservati anche un poco per dolci donzelle in carne ed ossa! Io da ragazza mi infiammavo per Kabir Bedi, in Sandokan ed Il Corsaro Nero aveva la giusta alchimia di bellezza ed animalità. Mmm. Comunque dissento su una cosa: non credo che Donne Con Le Gonne sia un capolavoro, trovo che sia piuttosto un film alquanto misogino e larvatamente fascista.

Dea ha detto...

Tesoro mio, le cose impossibili m'eccitano.

si, facciamo, facciamo...

Dea ha detto...

uhhhhhhhhh! mi sfuggì un particolare.

carlos ha detto...

Uhhhmmm... Quale?

Erotici Eretici ha detto...

Caro Carlos, ivi io giuro che nella mia munifica, magnifica e mAnifica attività di segaiolo indefesso, mai ( MAI ) ho sprecato una goccia del mio sperma reale, e tantomeno mai ho perso un istante di tempo nel dedicare un pensiero masturbatorio a una celebrità. Mimportasega delle strafiche televisive o cinematografiche. Per me sono pari a fantasmi. Belle certo, come bella è una Porsche. Come una villa di Wright. Come i tramonti in autunno o una statua di Canova. Ma il mio cazzo ( quindi il mio cervello ) necessita di donne vere. Cassiere, impiegate, casalinghe indaffarate, anonime studentesse universitarie, ecc...
Donne reali. E pertanto Reali.
Il mio latte si sversa per costoro.

Yang

ps: la foto della lingua che si accinge a titillare la coglionanza è da panico!!!

carlos ha detto...

Ah Yang, come se vede che sei un intenditore!
Anche la munifica Dea aveva assai apprezzato...

In quanto alle celebrities (così si scrive?),
diciamo che sono più i ricordi adolescenziali, a dire il vero. Anche se la visita in sogno di Michelle un paio d'anni fa, fu, come dire, allo stesso tempo onirica e reale.

Era un post fatto anche per stanare le pollastrelle, che forse sognano (e si toccano...) pure più di noi maschietti.

Dea ha detto...

ecco, quel succo d'Anima sulle labbra della donzella...!

Dea ha detto...

... ovvio che mi tocco e sogno più di te, c'ho più roba di te.. tu non sai che veicolo sono i seni, i capezzoli, il ventre, le cosce... mica è un infilare solo dita!
ps. far da me, è diverso che mischiare sudori e umori. è quel sano egoismo, quel sano volersi dar piacere quando mi va, con tanto ammmmmore.
è uno spettacolo, però, che andrebbe condiviso. eh eh!
bacio.

Dea ha detto...

la lode va al commento di Yang, fantastic!
scusa Carlos, scappo.

carlos ha detto...

E che fai, scappi?
Condividiamolo...

Dea ha detto...

io scapo sempre... prima o poi, qualcuno me pia. :)

Desire ha detto...

Mi ha fatto sorridere il tuo post Carlos !!!!^_^
L'ars amatoria è sempre bellissima in due e tanto più da soli...
ma a me non verrebbe mai in mente nè mai mi è assalito il pensiero di farlo pensando a Brad Pitt... naaaaaaaaaa..... dovrebbe essere lui a sognare me... allora forse si che se ne può parlare eh !!!! : )

Salut

Desire

carlos ha detto...

Anvedi. A Dea, ma fatte pija un pochetto...

Desire ma cher,
studiosa affaticata,
bentornata.

E magari Brad Pitt è pure stufo della labbrona
e sogna una come te... ;)

carlos ha detto...

Solo ora mi accorgo che il commento di Kay era finito nella spam, mannaggia a me mannaggia. Scherzavo su Donne con le gonne. (Perché Bingo Bongo ti pareva un capolavoro?) Anzi, già lì si vedeva che il povero Nuti iniziava a perdere colpi.